News

Plantari su misura per lo sport: un pratico ausilio per il tempo libero

È sbagliato pensare che il plantare su misura serva solo a correggere la postura in casi gravi perché in realtà la falcata perfettamente neutra non esiste. Questo non significa che abbiamo tutti bisogno di plantari correttivi per vivere le nostre giornate ma che in caso di sollecitazioni e carichi particolari il plantare può fornire un aiuto importante. Stiamo parlando di sport e tempo libero, in altre parole di tutte quelle attività che pratichiamo per passione e nelle quali gli arti inferiori devono sopportare sforzi e carichi aumentati.

Plantari per correre.

Non si tratta infatti solo della pianta del piede ma di tutto il corpo. Una postura scorretta può avere ripercussioni su tutti gli arti inferiori e persino, nei casi più delicati, sulla schiena e i muscoli dorsali. La pianta del piede è infatti il punto di appoggio di tutto il nostro corpo e non c’è attività più delicata da questo punto di vista della corsa. Molti utilizzano scarpe correttive per la pronazione o supinazione ma queste sono standard e non calibrate sulla falcata del corridore. Spesso ci si adegua: se il difetto è lieve si sceglie una scarpa è neutra, in alternativa si prende la scarpa correttiva di riferimento. Il grado di supinazione o pronazione non viene preso in considerazione ma il sollievo, in particolare a ginochia e caviglia può fare la differenza in termini di perfomance. È per questo che si scelgono sempre plantari su misura e non quelli standard che si trovano già pronti nei negozi o su internet.

Soluzioni su misura per ogni tipo di sport.                                   

La corsa è il principale sport per cui si richiedono plantari su misura ma non è l’unico. Molte delle attività che pratichiamo nel tempo libero, quelle fisiche ovviamente, sforzano il nostro corpo, il nostro equilibrio e, di conseguenza, i nostri arti inferiori. Si pensi al calcio o alla pallacanestro: sport molto diffusi nei quali il continuo scattare sollecita in modo significativo il nostro corpo. Se consideriamo che questi sport, anche a livello amatariole, hanno una componenete agonistica dei plantari su misura possono fare la differenza. Senza andare a prendere necessariamente gli sport più frenetici, lo stesso discorso vale per il trekking, dove i carichi sono costanti e prolungati, oppure la bicicletta. Anche pedalando infatti si sforza il ginocchio e lo scarico della forza esercitata avviene attraverso la pianta del piede e se non avviene correttamente si rischiano problemi anche gravi al ginocchio.

Per ogni informazione, anche in merito ad esigenze particolari, non esitare a contattarci.

Ti è piaciuto questo post? Condividilo!
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
News correlate