News

Ortopedia sanitaria del piede: i sintomi dell’alluce valgo

Il piede è fondamentale per il corpo umano: permette all’uomo di stare in posizione eretta, di spostarsi da un punto all’altro e gioca un ruolo da protagonista nella circolazione sanguigna.

Tra le patologie del piede, di sicuro l’alluce valgo è quella che le donne temono di più. Si tratta di una mutazione del piede molto comune, che lo rende molto brutto dal punto di vista estetico ma anche tanto fastidioso.

In sintesi, la forma del piede cambia completamente. L’alluce devia verso l’interno, avvicinandosi alle altre dita del piede; si forma quindi un rigonfiamento, una protuberanza arrossata dovuta allo spostamento della base dell’alluce.

L’alterazione dell’anatomia del piede causa molto dolore: la protuberanza, a contatto con le scarpe, causa infatti notevoli fitte. Il dolore, accompagnato da rigonfiamento e arrossamento, non si manifesta solo quando si indossano le scarpe, ma anche a riposo.

Spesso non si riesce a camminare e i sintomi sfociano poi in un ingrossamento della pelle nella zona della protuberanza (la cosiddetta “cipolla”). Può derivare da cause genetiche oppure al tipo di scarpe indossate.

Essendo un problema comune, soprattutto tra le donne che hanno superato i 45 anni, spesso questa patologia si sottovaluta dando il via a problematiche che vanno oltre il semplice dolore. Ad esempio:

  • problemi alla postura
  • tendenza al ginocchio valgo
  • lombalgia

Per curare l’alluce valgo esistono vari tutori e plantari su misura a Parma, presso i nostri centri, che aiutano il paziente e trattano la patologia nel miglior modo possibile.

Se vuoi contattarci per un consulenza sanitaria a Parma o per avere un consulto sulla scelta del tutore o del plantare più adatto, siamo a tua disposizione per qualsiasi informazione e chiarimento.

Ti è piaciuto questo post? Condividilo!
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
News correlate